cerca
Dellamorte Dellamore
modifica cronologia stampa login logout

Wiki

Tools

Categorie

Help

edit SideBar

Dellamorte Dellamore

 :: Dellamorte Dellamore ::
Dellamorte Dellamore
Regia: Michele Soavi
Anno: 1993
Con: Rupert Everett, Anna Falchi

Trama

Francesco Dellamorte ("Un nome buffo. Ho anche pensato di farmelo cambiare: Andrea Dellamorte sarebbe molto meglio") fa il custode del cimitero di Buffalora. Di notte deve accoppare i ritornanti, che si alzano dalle tombe, ma forse i vivi sono ben pi¨ strani dei morti! Lo accompagna Gnaghi, un omone un po' ritardato che sa dire solo "Gna", da cui il nome.


Recensione

by Dario

Eh signori miei, Ŕ un altro filmone di culto! ╚ il secondo film di Soavi che vedo (l'altro Ŕ La Chiesa) e pronti! eccomi qui a consigliarvelo!:)
Rupert Everett Ŕ strepitoso: non l'ho mai visto in nessun altro film, ma qui Ŕ veramente eccelso. Il suo personaggio Ŕ un po' cinico, un po' ironico, un po' ingenuo, e lui Ŕ tutte queste cose. Di Anna Falchi non ricordo niente se non le sue tette gigantesche. ChissÓ come sono al cinema.
Le scenografie sono visionarie. Il cimitero Ŕ un "vero" cimitero, di quelli con la nebbia e la luna tra le piante:) Nel paese di Buffalora potremmo riconoscere un qualsiasi paese delle nostre parti. La colonna sonora, seppure non mirabolante, Ŕ buona ed adatta al film.
La regia di Soavi Ŕ un po' particolare, non me ne intendo molto ma come ne La Chiesa l'impatto visivo Ŕ notevole, e contribuisce bene alla storia.

La storia segue molto da vicino l'omonimo libro di Tiziano Sclavi da cui Ŕ stato tratto, e in effetti a volte sembra di trovarsi in un fumetto di Dylan Dog: chi ne ha letti sa che cosa intendo:) L'ineffabile e sclaviano legame tra la morte e l'amore, a partire dal nome del protagonista, produce risvolti interessanti e strani, a volte grotteschi, a volte romantici. Il finale poi Ŕ sublime!

Voto: 4/5


Recensioni|Film